L’ipertensione è sempre accompagnata da un rischio, ma in alcune persone il rischio è maggiore. Se si ha alta pressione sanguigna, significa che il sangue sta pompando troppo duro, sovraffaticando il cuore, causando un pericolo di morte.

Fortunatamente, tale rischio può essere evitato, o almeno ridotto al minimo.

Per raggiungere questo obiettivo è essenziale controllare i livelli di pressione sanguigna. Ma se siete in gruppi a rischio, dovete rafforzare questo controllo.

Avete alta pressione sanguigna? È necessario controllarlo senza indugio. In questo articolo si spiegano i fattori di rischio per l’ipertensione.

Che cos’è l’Ipertensione?

L’ipertensione è l’aumento sostenuto o continuo dei livelli di pressione sanguigna.

Per scoprire se si è ipertesi, è necessario prendere la pressione sanguigna e confrontare questi valori con il grafico della pressione sanguigna normale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Qui è possibile conoscere i valori normali della pressione sanguigna.

Quali sono i Sintomi dell’Ipertensione?

L’ipertensione spesso non causa sintomi ed è quindi conosciuta come “l’assassino invisibile”. In alcuni casi può causare mal di testa, epistassi e mancanza di respiro. Tuttavia, questi sintomi non si verificano fino a casi estremi in cui la pressione sanguigna ha raggiunto livelli molto elevati e pericolosi per la vita.

I Fattori di Rischio per l’Ipertensione

Alcuni fattori aumentano il rischio di ipertensione, ma alcuni possono essere controllati, mentre altri, come l’età e la razza, non sono controllabili o modificabili.

I fattori di rischio incontrollati includono

  • Età
  • Sesso
  • Gara
  • Storia di famiglia
  • Malattia renale cronica

Gli uomini fino all’età di 64 anni hanno maggiori probabilità di avere pressione alta rispetto alle donne. Da quell’età in poi, le donne sono quelle che tendono ad avere l’alta pressione sanguigna. La menopausa è un fattore di rischio per l’ipertensione.

Gli studi hanno dimostrato che gli afro-americani hanno più probabilità di avere pressione alta rispetto ai bianchi.

I fattori di rischio che possono essere controllati includono

  • Sedentarismo
  • Dieta malsana
  • Colesterolo alto
  • Sovrappeso o obeso
  • Alcol
  • Tabacco
  • Apnea del sonno
  • Stress

Qual è il Rischio di Ipertensione?

L’ipertensione incontrollata può causare aritmie, angina pectoris o insufficienza coronarica e può portare a trombosi e arteriosclerosi.

Nel peggiore dei casi, l’ipertensione può causare un aneurisma, pareti aortiche dilatate o un’aorta fratturata, che inevitabilmente causa la morte.

Ipertensione in GravidanzaIpertensione in Gravidanza

I disturbi da ipertensione in gravidanza sono la causa di vari problemi durante i nove mesi di gravidanza, soprattutto nelle donne ipertese.

E’ normale che la pressione cali un po’ durante il secondo e terzo trimestre di gravidanza e questo non è motivo di allarme.

Tuttavia, l’aumento della pressione sanguigna è un rischio sia per la madre che per il bambino, quindi è essenziale monitorare la pressione sanguigna durante tutta la gravidanza.

Ipertensione negli AnzianiIpertensione negli Anziani

La pressione sanguigna aumenta con l’età ed è normale che le persone di età superiore ai 60 anni abbiano livelli elevati di pressione sanguigna.

Tuttavia, è necessario controllare la pressione sanguigna negli anziani per evitare rischi cardiovascolari.

Nei pazienti più anziani, la pressione sanguigna normale aumenta e può essere mantenuta entro l’intervallo di 150 mmHg.

Ipertensione nei pazienti diabetici

Il diabete aumenta il rischio di ipertensione e l’ipertensione aumenta il rischio di diabete.

I pazienti diabetici ipertesi devono esercitare uno stretto controllo dei loro livelli di glucosio e della loro pressione sanguigna.

La combinazione di ipertensione e diabete di tipo 2 è particolarmente pericolosa perché aumenta il rischio cardiovascolare e la probabilità di sviluppare malattie correlate al diabete, come la retinopatia e le malattie renali.

Avere un’alta pressione sanguigna è un rischio, ma è possibile controllarlo.

Oggi è possibile avere un monitor della pressione arteriosa in casa per misurare i valori della pressione arteriosa, che aiuta a monitorare da vicino i valori e ad agire in tempo ai primi segnali di allarme.

Lo stile di vita è molto importante per tenere sotto controllo i livelli di pressione. Se pensi di essere a rischio, cambia le abitudini che ti fanno male in abitudini sane, in modo da non doverti preoccupare della pressione alta.

Non dimenticate che la consultazione regolare con il vostro medico di base è essenziale per evitare il rischio, in quanto lo specialista può, sulla base dei vostri valori di stress individuali, prescrivere un farmaco specifico o un trattamento per abbassare la pressione sanguigna.